TORNA ALLA COLLANA "INTERSEZIONI"

MARY HUNTER AUSTIN

La terra delle piogge rare

introduzione di Bruna Bianchi
traduzione di Teresa Bertuzzi
224 pp.
15,00 euro
ISBN 979-12-80097-51-4

ACQUISTA ON LINE

 

Tradotto per la prima volta in Italia, La terra delle piogge rare è un autentico canto d’amore dedicato alla natura. I quattordici scritti che lo compongono ritraggono la terra e gli abitanti delle regioni desertiche della Sierra californiana, e lo rendono uno dei classici della narrativa naturalistica statunitense. Con una prosa sobria ma evocativa, Austin trasporta il lettore nei profondi recessi di quelle terre selvagge, dimostrando una raffinata conoscenza della flora e della fauna che le abitano ed esaltandone al contempo la profonda interdipendenza. Il deserto, la “terra dei confini perduti”, assume per lei la valenza di un rifugio dove ritrovare la libertà dai rigidi confini di genere e identificarsi, quasi per osmosi, con il mondo naturale. In questa sorta di diario minimo l’autrice ci regala anche una serie di riflessioni e aneddoti sulla vita dei nativi, degli immigrati messicani e dei pastori erranti, muovendosi agevolmente tra storia locale, miti e leggende tradizionali.

Scarica la scheda del libro


 

Rassegna stampa

"DEP/Università Ca’ Foscari",  aprile 2024

"Modulazioni temporali,  marzo 2024

"Le Monde diplomatique",  gennaio 2024

Mary Hunter Austin

(1868-1934)